Rosso di Montalcino 2014

Rosso di Montalcino 2014

Il Rosso di Montalcino  Sanlorenzo è ottenuto dai vigneti più giovani dell’azienda che si aprono come un anfiteatro sulla valle dell’Orcia e verso il mare. Il terreno mediamente argilloso e ricco di pietre, e il particolare microclima degli oltre 400 metri di altitudine, rendono particolarmente delicato il gusto del Sangiovese  coltivato in questi vigneti. Vinificato in vasche di acciaio, viene successivamente affinato  in barriques “vecchie” di varie dimensioni in modo da raggiungere un equilibrio ottimale. Un ulteriore affinamento in bottiglia completa il lavoro di cantina per portare nel bicchiere un vino fruttato  ma con una struttura importante. Gli aromi freschi di ciliegia matura e i piacevoli sentori di legno in sottofondo lo rendono al palato equilibrato ed elegante,  gli conferiscono un gusto particolare che lo distingue. Questo vino si abbina molto bene con tutti i piatti a base di carne rossa e ai formaggi. Il Rosso di Montalcino Sanlorenzo  è disponibile nel formato da 0,750  litri.

DESCRIZIONE DELL’ANNATA

Sicuramente la mia vendemmia più difficile degli ultimi anni. Un clima difficile con la pioggia e le temperature sotto la media che hanno fatto da linea conduttrice da giugno a settembre.
Maggio e giugno sono stati piovosi, temperature fra la media e sotto la media, è stato difficile contenere la peronospera e non sempre ci sono riuscito.
La fioritura è iniziata il 5 giugno, in ritardo con la media delle ultime annate
La fioritura va abbastanza bene e fra il 15 e il 18 giugno è conclusa
A luglio continua a piovere e le temperature rimangono sotto le medie

Primi accenni di invaiatura il 23 luglio ma in modo uniforme dai primi di agosto

Agosto e i primi venti giorni di settembre hanno un clima atipico, poco sole poco caldo tengono le temperature sotto la media e si rallenta sia l’invaiatura prima che la maturazione dopo. Oltre a questo le numerose piogge iniziano a far uscire le muffe e la sensazione che l’annata sia molto complicata è sempre più reale. Si inizia con un primo diradamento delle uve il 20 di agosto poi a settembre un altro passaggio per togliere un ulteriore 20-30 % di uva, si cerca di salvare il salvabile.

Il clima che tutto l’anno è stato ostile ci ha graziato dalla fine di settembre al 10 di ottobre con giornate calde e soleggiate e questa ha permesso di far maturare bene l’uva. La vendemmia è stata il 9 e 10 ottobre le uve che erano rimaste sulle vite erano in buona parte sane e ben mature, il tenore zuccherino e la maturazione fenolica buona.

Resa per ettaro 40-60 quintali di uva

Invecchiamento: Barriques

Produzione totale 5-8.000 bottiglie

Dettagli delle altre annate:

2013 2012 2011