La Cantina

Dalla spremitura verso un lungo e costruttivo riposo.

 

Per passare dalla vigna al bicchiere il cammino è ancora lungo, come lungo e necessario sarà il loro riposo.
Immediatamente dopo raccolta, l’uva viene trasportata in cantina e accuratamente diraspata. Gli acini vengono spremuti e il tutto passa in apposite vasche d’acciaio dove avviene la fermentazione e la successiva macerazione che di solito ha la durata di 20-25 giorni ad una temperatura che varia dai 28 gradi dei primi giorni fino ai 20 degli ultimi giorni. Durante tutto questo tempo vengono effettuate periodiche rimonte e delestage. Al termine della vinificazione il vino passa in vasche per il deposito dei residui solidi. A questo punto, analizzando e assaggiando il vino, si decide la sua destinazione ultima, cioè se diverrà Rosso di Montalcino oppure Brunello di Montalcino.

Il vino destinato a diventare Rosso di Montalcino viene passato nei barriques senza togliere le fecce leggere. Qui rimane per 12 mesi e viene periodicamente sottoposto a batonage. Trascorso questo tempo viene imbottigliato e lasciato riposare per almeno altri 3 mesi. Il Rosso di Montalcino viene messo in commercio nella primavera del secondo anno dopo la vendemmia.

Il Brunello viene messo a riposare in grandi botti di legno da 30 ettolitri per 3 anni. Al termine di questo lungo periodo viene passato in acciaio per il tempo necessario e successivamente imbottigliato e lasciato di nuovo riposare per almeno 6 mesi. Il Brunello di Montalcino viene messo in commercio dal febbraio  del quinto anno successivo alla vendemmia.